Home|Mappa del sito |Pubblicazioni

Home > Attività e strumenti > Commissioni di lavoro e documenti

Le Commissioni di ICC Italia, composte da esperti delle diverse aree di competenza designati dalle rispettive componenti associative, svolgono la loro attività in stretta collaborazione con le analoghe commissioni di ICC, delle quali costituiscono l’interfaccia nel nostro Paese.
Esse rappresentano il qualificato portavoce tramite il quale le prese di posizione e le istanze dell’imprenditoria italiana sulle diverse tematiche possono avere un’adeguata accoglienza anche in sede internazionale, oltre che nazionale.

Una periodica informativa sulle attività delle Commissioni, oltre che sugli eventi nazionali ed internazionali di interesse dei soci, viene fornita attraverso la Newsletter mensile di ICC Italia.

grafico attività di icc italia particolare commissioni di lavoro


Principali attività di ciascuna Commissione:

Ambiente ed Energia
La Commissione si propone di agire come piattaforma di confronto e dialogo, in cui rappresentanti ed esperti possano esaminare le più pressanti questioni ambientali ed energetiche globali.
Beneficiando del network globale ICC e del suo ruolo di Business Industry Focal Point al UNFCCC, Osservatore al Climate Investment Funds e al Green Climate Fund e fondatore del Business & Climate Summit, i rappresentanti delle imprese italiane coinvolte nei lavori della Commissione elaborano raccomandazioni e linee guida in quattro principali macro aree: cambiamenti climatici, green economy, energia e ambiente.

Anticorruzione
La Commissione di ICC Italia è nata nel 2013 con il preciso intento di assistere nel mercato domestico le imprese nella prevenzione del c.d. “Rischio 231”, sempre più incombente e rappresentato dalla responsabilità penale-amministrativa sancita dal D.Lgs. 231/2001, in attuazione della legge-delega n. 300/2000, a sua volta emanata sulla scorta di molteplici provvedimenti sovranazionali.

Il Decreto ha rappresentato un punto di svolta dell’attenzione con la quale nell’ambito dell’azienda/ente va effettuato il controllo dei processi interni per impedire il compimento dei reati contemplati dal Decreto stesso e le ricadute economiche sull’ente stesso.

E’ ormai noto che il paniere di tali reati subisce, come di seguito riassunto, un ininterrotto allargamento, sia per effetto dell’allarme sociale connesso a determinate fattispecie di illecito sia per la corrispondete propensione legislativa ad annoverarle tra quelle sanzionate dal Decreto 231, originariamente concepito per il solo adeguamento della normativa interna ad alcune Convenzioni Internazionali sottoscritte in tema di lotta alla corruzione.

In relazione a tale quadro normativo e operativo la Commissione Anticorruzione e RSI si pone sempre più come il crocevia della quasi totalità delle tematiche trattate nelle varie Commissioni ICC Italia alle quali sono speculari “reati presupposto” che annovera il Decreto 231: dai reati ambientali, all’agropirateria e agromafia, contraffazione e tutela del Made in Italy, violazioni diritto d’autore, fiscalità energetica, green tax, fisco , delitti informatici, riciclaggio e abusi di mercato ecc.

Arbitrato internazionale e ADR
La diffusione dell’arbitrato e il crescente interesse a livello globale per i metodi alternativi di risoluzione delle controversie hanno contribuito al fiorire di un’ampia comunità di esperti. La Commissione Arbitrato e ADR di ICC Italia riunisce i più influenti professionisti del settore e concentra le proprie attività sugli sviluppi normativi e sulle tendenze emergenti nel diritto e pratica delle ADR, sia a livello nazionale che internazionale, al fine di contribuire al miglioramento e alla diffusione dell’arbitrato internazionale e delle altre forme di risoluzione alternativa delle controversie.

A tal fine, i lavori della Commissione ICC Italia sono volti a:

1) Assistere alla redazione e all'aggiornamento delle Regole ICC su arbitrato, mediazione, Expert Determination, Dispute Board e altre forme di risoluzione delle controversie;

2) Contribuire alla stesura di linee guida e best practices su una serie di argomenti di attualità nel settore ADR, con l’obiettivo di facilitare e incrementare l’utilizzo dell’arbitrato internazionale e degli altri meccanismi di risoluzione delle controversie nel nostro Paese;

3) Creare un network tra arbitri, avvocati e fruitori delle ADR che faciliti la condivisione di informazioni ed esperienze, anche al fine di aggiornare le procedure e rispondere efficacemente alle esigenze degli utenti;

4) Promuovere i servizi di risoluzione delle controversie di ICC a livello sia domestico che globale.

Bancaria
Autorevole forum a livello mondiale nel settore del trade finance da più di 80 anni, la Commissione codifica norme e prassi per il settore bancario universalmente accettate e utilizzate in migliaia di transazioni internazionali - quali le Norme relative ai crediti documentari - aggiornandole in base agli sviluppi nei settori bancario, assicurativo e dei trasporti e adattandole ai nuovi processi tecnologici di elaborazione dati. Formula le Official Opinions che rappresentano le interpretazioni ufficiali sul corretto uso, in specifiche situazioni, delle norme bancarie elaborate dalla ICC.

Diritto e Pratiche del Commercio Internazionale
Elabora, aggiorna e promuove regole per il commercio internazionale tra cui le Regole Incoterms® per l’utilizzo dei termini internazionali di resa delle merci. Sviluppa principi volti a facilitare la negoziazione commerciale e predispone modelli contrattuali standard per facilitare la redazione e conclusione di contratti internazionali. Partecipa alle più importanti consultazioni che abbiano rilevanza per il commercio internazionale.

Concorrenza
Rappresenta il punto di vista delle imprese nelle consultazioni relative alla formulazione e applicazione di provvedimenti legislativi e politiche governative e intergovernative, in particolare a livello europeo, in materia di antitrust. Rappresenta il settore imprenditoriale in seno all'International Competition Network (ICN).

Customs and Trade Facilitation
Promuove la semplificazione delle procedure doganali e delle politiche in materia, così come, in generale, tutti gli strumenti volti a facilitare il commercio internazionale. Formula raccomandazioni in sede WCO in materia di valore in dogana e classificazione doganale. Analizza le implicazioni tra problematiche doganali e proprietà intellettuale e promuove un crescente coordinamento tra autorità fiscali e doganali.

Digital Economy
Promuove lo sviluppo dell’economia digitale a livello globale e la crescita del settore dell’Information and Communication Technology attraverso l’iniziativa del settore privato e la diffusione di best practices. Prende parte al dialogo pubblico-privato in occasione dei principali consessi internazionali e presso gli organismi internazionali di riferimento.

Fiscale
Promuove la realizzazione di un sistema fiscale internazionale equo e trasparente, che incoraggi gli scambi e gli investimenti stranieri, eliminando le forme di protezionismo e di distorsione della concorrenza attuate attraverso il ricorso allo strumento fiscale. Contribuisce a rappresentare il punto di vista delle imprese nelle varie sedi internazionali (ONU, OCSE, UE).

Food
Considerata l’importanza del settore agroalimentare nell’economia italiana e i trend positivi registrati in Italia negli ultimi anni, ICC Italia ha deciso di istituire una nuova Commissione dedicata al Food.

Un principio cardine nell’azione di ICC è la costruzione di un’effettiva collaborazione, nell’ambito del policy making, tra comparto pubblico e privato come elemento imprescindibile per una crescita sistemica sostenibile, generando benefici non esclusivamente per le imprese, ma anche per la società e per i professionisti che operano nel settore.

Sfruttando anche la posizione strategica della sede a Roma, la Commissione, nel rappresentare gli interessi della business community, si pone come interlocutore privilegiato non solo con le competenti autorità nazionali, ma anche con il c.d. polo alimentare delle organizzazioni internazionali UN (FAO, WFP, IFAD), nonché con importanti organizzazioni di settore come la World Farmer’s Organization.

In linea con l’attività di ICC di promozione di un sistema aperto di commercio e di investimenti internazionali, la Commissione vuole rappresentare un utile strumento per far cogliere più facilmente le opportunità e le sfide che il settore offre in ambito internazionale. In particolare, riunendo professionisti, esperti di settore ed imprese, la Commissione promuoverà iniziative e progetti di collaborazione di carattere tecnico-giuridico in affiancamento alle realtà già esistenti, con l’obiettivo primario di accrescerne la competitività in un mercato sempre più globale.

Allo stesso modo, verranno promosse linee guida e good practices che emergeranno dallo scambio di know-how tra i membri della Commissione e che saranno frutto della sinergia tra la società civile, dal dialogo con le istituzioni e dagli interessi delle imprese rappresentate, specialmente in materia di scambi commerciali e di risoluzione delle controversie.
L’instaurazione di relazioni commerciali grazie al network globale di ICC, la valorizzazione dell’elemento locale, delle Indicazioni Geografiche - e del Made In Italy più generalmente-, il rafforzamento dei consorzi, il co-branding, rappresentano solo alcuni dei pilastri di partenza dai quali si svilupperanno i lavori della Commissione.

Marketing and Advertising
Promuove la diffusione di elevati standard etici nel marketing e nella pubblicità, mediante l’autoregolamentazione basata su codici e linee guida. Rappresenta la posizione della business community e formula raccomandazioni in merito a iniziative governative che abbiano ripercussioni sul marketing, sulla pubblicità e sulla protezione dei consumatori.

Politiche del Commercio e per l’internazionalizzazione delle imprese
Promuove un’economia globale e libera che sia di stimolo per il commercio e gli investimenti transfrontalieri e per la creazione di posti di lavoro e che, al contempo, favorisca lo sviluppo sostenibile e la qualità della vita. Contribuisce alla definizione della World Trade Agenda e alla formulazione delle decisioni del G20 attraverso una attiva partecipazione al B20.

Proprietà Intellettuale
Promuove la realizzazione di un sistema volto ad un'efficiente protezione internazionale dei diritti di proprietà intellettuale, anche attraverso l’armonizzazione mondiale delle regolamentazioni in materia. Incoraggia gli investimenti per la diffusione e lo sviluppo di tecnologia e innovazione. Predispone ogni due anni la ICC Intellectual Property Roadmap, che raccoglie gli sviluppi conseguenti a cambiamenti politici, economici, tecnologici e sociali che possono avere un impatto sulla protezione della PI.















  ICC Italia Notizie
  
  Archivio Newsletter

ICC IS NETWORKING
  
  




ICC Italia non è responsabile dei danni derivanti dall'uso del sito e/o delle informazioni in esso contenuti, o derivanti da inadempimento contrattuale, ivi inclusi, a titolo esemplicativo, mancata adeguatezza o accuratezza delle informazioni o derivanti dall'uso di qualsiasi altra informazione contenuta in altri siti, sia attraverso citazione diretta che collegamenti ipertestuali.
Partita IVA 01017671007 - Codice Fiscale 01863550586
ICC Italia - Camera di Commercio Internazionale Sezione italiana